Il Centro Helder Camara per la Sierra Leone: l'impegno continua

Pur tra molte difficoltà, in Sierra Leone i progetti avviati proseguono e danno frutti: l'aula di informatica, intitolata al nostro amico Piero Moro, che l'estate scorsa ci ha lasciati, è stata completata ed è iniziata la formazione dei ragazzi; i miglioramenti nelle attività agricole influiscono positivamente sulle condizioni di vita e di salute della popolazione, ed ora servirebbe un pick-up usato per il trasporto di strumenti e prodotti tra i diciassette villaggi e il mercato esterno, trasporto che al momento attuale viene fatto in moto dal nostro coordinatore.
Continua il sostegno alla community farm di straordinarie donne impegnate nella coltivazione di prodotti per l'alimentazione locale e in un piccolo allevamento di polli. Donne determinate, che con un modesto microcredito fanno miracoli.
Ma in questo momento ciò che ci preme di più sono i bambini, i bambini che vedete sorridere in questa foto, orfani del dopo Ebola, ospitati a Kwama, in una casa costruita per loro dalla nostra associazione.
Al momento sono otto, perché le nostre forze non ci consentono di ospitarne di più: sono bambini fortunati, perché vivono in una casa, sono accuditi, nutriti e amati, vanno a scuola, nulla di scontato in quel povero paese!
A questi bambini è stato assicurato un futuro, ma con il vostro aiuto vorremmo fare di più.
Stiamo infatti sostenendo un progetto che si fa carico anche della salute di tutti quelli che frequentano la scuola primaria, con la costruzione di due set di servizi igienici presso la scuola stessa. I bagni per questi villaggi sono un lusso, e fanno davvero la differenza per la salute di tutti, non solo dei piccoli.
La realizzazione di questo progetto ci costa 24.000,00 euro in due anni, dodici dei quali sono già stati reperiti.
Ce ne mancano ancora dodici. Possiamo farcela?
Se ci date una mano pensiamo proprio di sì.
Auguri2016xs