Ci sembra veramente assurdo e inaccettabile che di fronte ad una tragedia biblica quale le migrazioni di milioni di esseri umani che stanno fuggendo dalla guerra e dalla fame, non si risponda all’appello e all'esempio di papa Francesco di accogliere i profughi nelle famiglie e nelle parrocchie. Di accoglierli in modo dignitoso, umano, possibile, sottraendoli allo sfruttamento di coloro che della loro tragedia fanno mercato e alla disumanità di campi che di accoglienza non hanno nulla e che ci fanno vergognare della nostra umanità.

La possibilità di un'accoglienza diversa ci viene dall'esperienza dei corridoi umanitari, che la Tavola Valdese, le Chiese Cristiane riformate e la Comunità di Sant'Egidio hanno messo a punto e realizzato e che si propone di far venire in Italia legalmente 1000 rifugiati in condizioni di fragilità. Ci sembra un'esperienza straordinaria, anche perché dimostra che è possibile un modo diverso di accogliere, un modo che mette in moto energie e soprattutto che diffonde umanità.

Leggi il documento...