Condividiamo e sosteniamo l'appello delle chiese Evangeliche di Milano a non strumentalizzare il tema della libertà religiosa espresso e tutelato nella Costituzione, evitando di alimentare pericolosi pregiudizi e discriminazioni nei confronti delle minoranze religiose, in particolare dell'Islam. Anche noi ricordiamo che la tradizione della città si è nutrita di principi di libertà, di accoglienza e di coesione sociale che chiunque ami e rispetti Milano deve difendere e rivendicare.

Appello delle Chiese Protestanti di Milano

Noi rappresentanti delle Chiese Evangeliche di Milano -Valdese, Metodista, Battista, Luterana - esprimiamo   viva preoccupazione per alcune affermazioni e i toni di certe battute della campagna elettorale in materia di libertà religiosa e di culto. 

Ci rammarica che questo  tema di primaria importanza civica e costituzionale  sia spesso affrontato con superficialità e leggerezza, invocando inammissibili restrizioni soprattutto nei confronti della comunità islamica ma, più in generale, delle minoranze religiose presenti a Milano.

Noi evangelici denunciamo quel pregiudizio che condanna l’islam come religione violenta e aggressiva e misconosce il radicamento e l’integrazione di migliaia di musulmani che partecipano lealmente alla vita democratica della nostra città e del Paese.

Impegnati da anni in un cammino di dialogo e di fraternità con varie comunità e associazioni islamiche, testimoniamo di un cammino spirituale e culturale che ci ha avvicinato e ci fa sperare che possa produrre frutti sempre più abbondanti per il bene di Milano.

Ribadiamo che la nostra città  è cresciuta grazie al lavoro, alle culture  e all’ingegno di tanti immigrati, uomini e donne che appartengono a tradizioni culturali e religiose differenti ma che insieme hanno saputo rafforzare legami di convivenza e di coesione sociale.

Richiamandoci alla Costituzione, rivendichiamo che tutte le confessioni sono ugualmente libere di fronte alle legge e tutte hanno il diritto di esercitare   liberamente il proprio culto in pubblico e in  privato.

Forti della recente sentenza della Corte costituzionale  che ha dichiarato l’incostituzionalità e la  discriminatorietà di alcune norme della legge della Regione  Lombardia in materia di governo del Territorio e che hanno prodotto gravi limitazioni nell’esercizio del culto di varie comunità di fede, lanciamo un appello a tutti i candidati e alle forze politiche che li sostengono perché affrontino con serietà e rispetto un tema decisivo per la qualità della convivenza in una metropoli multireligiosa.

A tutti loro chiediamo di non strumentalizzare il tema della libertà religiosa che è espresso e tutelato nella Costituzione e di non alimentare pericolosi pregiudizi e discriminazioni nei confronti delle minoranze religiose. A tutti loro ricordiamo che la tradizione della città che intendono governare si è nutrita di principi di libertà, di accoglienza e di coesione sociale che  chiunque ami e rispetti Milano deve difendere e rivendicare.

Chiesa Evangelica Valdese – Chiesa Evangelica Metodista – Chiesa Evangelica Battista – Chiesa Cristiana Protestante in Milano

Milano, 8 aprile 2016